Salpare per un’estate davvero intrigante? Abbiamo affrontato l’anno scorso le forme di viaggio più giovani ed innovative, quest’anno si aggiungono proposte interessanti. Oggi parleremo del modo più “social” di salire a bordo di una barca a vela, diventare parte di un equipaggio di nuovi amici e conoscere posti nuovi e mari meravigliosi.


Da anni – infatti – il sogno di prendere un charter (cioè una vela con skipper “in affitto”) è reso possibile da numerosi servizi online, che offrono la possibilità anche a chi non abbia la patente nautica di visitare mete esclusive e suggestive raggiungendole dal mare, invece che dalla terra. I costi, tuttavia, rimangono piuttosto impegnativi.

Come per il couch-surfing e altre “community” di viaggiatori, però, ecco anche in ambito vela un nuovo sistema, che si chiama “Sailsquare e consiste in un marketplace peer-to-peer (in parole povere, un “luogo virtuale di incontro” tra domanda e offerta di soggetti alla pari) che permette appunto il contatto tra viaggiatori e skipper con la loro barca a vela.

In questo modo è possibile prenotare un singolo posto a bordo e conoscere direttamente in loco nuovi amici che hanno fatto lo stesso. Oppure si possono prendere contatti in anticipo ed iniziare ad entrare in confidenza, prima di condividere l’esperienza nell’equipaggio. In più, trattandosi di una community, non si acquista nulla a scatola chiusa: prima di salpare si possono valutare le recensioni (che riguardano gli skipper, ma anche gli altri viaggiatori).

barche a vela ormeggiate – CC0 Public Domain

Le vacanze – proposte dagli skipper e tra le quali si può virtualmente “navigare” anche da subito – possono avere durate differenti (weekend, ponti, settimane, esperienze particolari di più settimane), sono in tutto il Mediterraneo e in altre parti del mondo (ex.Caraibi, Thailandia, Patagonia, Brasile, Fiji…) e possono essere orientate a uno stile particolare: relax e natura, divertimento e amici, navigazione e tecnica, famiglia e bambini.

Il metodo utilizzato, quello della community appunto e del peer-to-peer, permette di ottimizzare i costi, riducendo quelli di gestione che vengono in un certo senso “automatizzati” dalla piattaforma: ciò che resta alle persone che entrano in contatto è l’organizzazione della propria esperienza, a sentire molti che l’hanno già provata decisamente unica: velisti esperti al posto di tradizionali tour operator e soprattutto tante persone che amano il mare e condividere le loro avventure.

Sailsquare è insomma un metodo nuovo di viaggiare, salendo a bordo di una barca a vela come se fosse quella di un vecchio amico e conoscendo persone nuove con cui essere veri viaggiatori del mare. In posti meravigliosi e per vacanze low cost ad alte performance!

Articolo precedente

Euro 2016: il vincitore è l'islandese The Reykjavík Grapevine

Articolo successivo

Brexit: l'Europa reagisca subito

Giovanni Vagnone di Trofarello e di Celle Direttore Resp.

Giovanni Vagnone di Trofarello e di Celle Direttore Resp.

Direttore Responsabile di Retrò Online - Magazine, giornalista iscritto all'Albo dei Pubblicisti del Piemonte dal 2006, laurea magistrale in Scienze Giuridiche a Torino e master di primo livello in Amministrazione Pubblica alla Bocconi di Milano, collabora con diverse testate locali e nazionali e lavora come libero professionista nel campo delle pubbliche relazioni, della comunicazione strategica e del copywriting.