“Sei personaggi in cerca d’autore” ci raccontano lo Shaka Brah

Che cos’è lo Shaka Brah? Ce lo raccontano cinque (a dire il vero sei perché ormai anche l’autore si è appassionato) amici che hanno ideato, creato e realizzato questo Ristorante Cocktail House a San Salvario.

Pronti via? Ormai lo sappiamo: tutto ebbe origine da un’onda.

Massimo: l’onda dello Shaka Brah

Massimo è un amante del mare, della vela, dello sport. Quando vide per la prima volta il locale, che si è successivamente trasformato nello Shaka Brah, rimase colpito dal bancone a forma di onda. Da quell’immagine nacque l’idea di strutturare lo Shaka Brah a partire dalla forza del mare. L’onda ci trasporta all’interno del ristorante per farci assaggiare piatti provenienti da tutto il mondo: Europa, Africa, Asia… cucina internazionale rivisitata, pronta a soddisfare i nostri palati. Shaka Brah è una sorpresa: Come and try it!

Francesco: la carne salada

Francesco, il cuoco dello Shaka Brah, ci racconta un piatto che ama preparare: la carne salada, carpaccio di carne marinata sotto sale con salsa al wasabi e al lime. Un piatto fresco, sfizioso, originale, curato nell’impiattamento e pronto per essere assaggiato. Shaka Brah è fantasia, creazione, innovazione!

Umberto: Shaka, un’esperienza nuova, in allegria

Umberto, figlio del proprietario del locale, ci parla della sua “seconda casa”: lo Shaka Brah. Un luogo giovanile, dove mangiare e bere bene, in un ambiente allegro, solare, caloroso, in cui rilassarsi con gli amici prima di recarsi nelle migliori discoteche di Torino. Lo stile è easy, friendly: vi sentirete a casa. Shaka Brah è un’esperienza nuova, un posto da vivere, da sperimentare!

Marco e Fabrizio: i barmen

Il retro del bancone da cui spiccano numerose bottiglie colorate e dalle forme più svariate mette già allegria. Vedere i barmen all’opera è quasi una magia, tanto è l’impegno riposto nella preparazione di questi cocktails fenomenali, il fiore all’occhiello dello Shaka.

Il locale si trova nel cuore della movida torinese ed è un posto ricco di calore e divertimento, grazie anche al numeroso staff che lo anima. La sera non manca la buona musica, reggae in particolare, ma anche folk rock e sul tardi deep house. I cocktails di frutta fresca, la specialità di Marco, sono realizzati con ingredienti di ottima qualità, e il sapore ne è la prova.

Fabrizio ci mostra l’ampia varietà di distillati, vermouth e liquori. Ciò che rende i loro cocktails unici è l’attenzione nella miscela degli ingredienti, come ho potuto constatare assaggiando il particolarissimo Daiquiri, con rum chiaro, succo di lime spremuto al momento, e zucchero di canna bianco.

Vediamo Fabrizio all’opera mentre prepara un Old Fashioned con Bourbon whishey, Angostura bitter (bitter aromatizzato), zolletta di zucchero e scorza d’arancia. Viene lavorato nel ghiaccio e poi versato in un bicchiere con ghiaccio nuovo.

E il sesto “personaggio”?

Lei si è fatta prendere dall’originalità dell’idea, dall’anamorfosi che prende forma (collocandosi in una posizione ben precisa del locale) e mostra un surfista che cavalca la sua tavola azzurra sotto il sole, dalla bellezza di linee e colori, dai cocktails spaziali, dalla creatività in cucina e dagli altri “cinque personaggi in cerca d’autore o forse in cerca dell’onda giusta”. Shaka Brah è tutto questo!

Shaka Brah Food & Cocktail House

È a Torino in via Giuseppe Baretti 12/e

Telefono: 01119665280; 01119665281

È aperto dal martedì al giovedì 19.00 – 2.00

Dal venerdì al sabato 19.00 – 3.00

Domenica 19.00 – 2.00

Qui il sito web del locale: http://www.shakabrah.it/

Qui la pagina Facebook: https://www.facebook.com/shakabrahtorino

info@shakabrah.it

Articolo precedente

Brexit: l'Europa reagisca subito

Articolo successivo

Juno: la sonda NASA sta per tagliare il traguardo

Gloria Guerinoni

Gloria Guerinoni

Mi sono laureata in Filosofia e poi ho vissuto un anno a Madrid grazie alla borsa di lavoro "Master dei Talenti" della Fondazione CRT. Presso GB Consulting abbiamo organizzato eventi sportivi quali Copa Davis, London Olympic Games 2012, Mutua Madrid Open 2012, 5th International Sport Business Symposium London 2012.
Rientrata a Torino ho continuato a occuparmi di organizzazione eventi, marketing e comunicazione.

Sono molto curiosa, mi piace guardarmi intorno, ripensarci su e poi scrivere. Retrò mi ha dato la possibilità di condividere le mie inclinazioni con altri scrittori e lettori.